Attenzione

Le foto che accompagnano le ricette sono scattate da me e servono ad illustrare passaggi e risultato. Leggere le notizie riportate sul DISCLAIMER nel caso le voleste utilizzare. Grazie!

mercoledì 21 ottobre 2015

Lenticchie con sedano e carota



L'Altopiano di Rascino è un altopiano carsico situato nel Lazio, in provincia di Rieti, nel Cicolano ai confini con l'Abruzzo, all'interno del territorio del comune di Fiamignano.
È un luogo isolato, quasi incontaminato e dall'interessante risvolto naturalistico con presenza di alcuni agriturismi, usato in estate come pascolo per le mandrie di allevatori delle zone circostanti, mentre in inverno è possibile praticarvi lo sci di fondo nonostante la quota non particolarmente elevata. D'estate è possibile praticare trekking a piedi, a cavallo e in MTB.



Nell'Altopiano di Rascino si coltiva un prodotto agroalimentare tradizionale, una varietà di lenticchia estremamente saporita. 
E' una pianta annuale i cui semi sono ricchi di proteine e ferro.
Ed io da brava cicolana cucino spesso le lenticchie in modi sempre diversi.
Questa volta le ho cucinate in umido con sedano e carote.

Ingredienti:

70 g di prodotto secco per ogni persona
3 carote grandi 
3 coste di sedano 
1 cipolla
sale
pepe
olio evo

Pulire bene le lenticchie da eventuali sassolini e semi. Sciacquarle ripetutamente in acqua fredda. Posizionarle in un piatto capiente e coprirle di acqua fredda. Lasciare in ammollo un paio d'ore.
Prelevarle e sciacquarle nuovamente poi metterle a bollire in abbondante acqua salata con l'aggiunta di una carota, di una costa di sedano e della cipolla.
Far bollire fino ad una cottura al dente (se si vogliono accorciare i tempi si può utilizzare la pentola a pressione, che io spengo appena inizia a fischiare).
In una pentola di acciaio faccio soffriggere per poco tempo le restanti carote pulite e tagliate a dadini con il sedano, anch'esso pulito e tagliato a dadini.



Aggiungo le lenticchie e faccio cuocere una decina di minuti a fuoco lento (se necessario aggiungere un poco di acqua di cottura delle lenticchie).
Servo ben caldo. Io le mangio così al naturale ma si possono accompagnare con crostini di pane.

Nessun commento:

Posta un commento